Vampiri: classifica gerarchica e folklore

di Morgana Commenta

Oggi per la sezione Vampiri e per tutti gli amanti del genere, parleremo della classificazione in tipologie in alcune tradizioni, attraverso una lista dalla A alla Z dei vari tipi di vampiri.

Detto questo, partiamo dalla classifica in tipologie presenti in tradizioni antiche e sparse nel mondo.

Vampiri con la lettera G:

GAYAL: spirito vampirico proveniente dall’India, prende vita quando un uomo, appena morto, non viene seppellito in modo adeguato durante il suo funerale. Quando ritorna in vita, il Gayal cerca la sua vendetta nei figli di altri e nei parenti. In India, per paura che qualcuno possa tornare come gayal fa sì che vengano rispettate le adeguate cerimonie funebri.

GHOUL: Non è considerato un vampiro ma è simile al Kasha. Anche luisi ciba di cadaveri, l’origine non è conosciuta, ma è descritto in un romanzo di H. P. Lovecraft “Kadath”. Secondo un’altra teoria il ghoul non è un vampiro, ma una sua vittima, è colui che pur non essendo stato morso da un vampiro ne beve il sangue, divenendone schiavo. Il Ghoul è privo di volontà è una specie di burattino nelle mani del vampiro. Nel flolkore arabo si nutre carne umana, si nutrono di cadaveri di bambini, ìestraendoli direttamente dalle tombe. Quando non trovano dei cadaveri, uccidono prede vive per cibarsene, inoltre sono considerati i discendenti del Iblis, e possono essere sia uomini che donne. Il Sergente Bertrand in Francia nel 1848 fu chiamato Ghoul poichè rubava i cadaveri dai cimiteri parigini per nutrirsene.

GIERACH: E’ un vampiro prussiano.

GULA: E’ una vampira, forse è meglio dire un demone femmineo che come luogo d’azione predilige i cimiteri. La sua storia, la sua leggenda è particolarmente sentita in Turchia e Persia. Secondo la religione islamica il sangue è il principio della vita e questa vampira sottrae l’anima alle proprie vittime uccidendole.

fonte Vampiti . net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>