Scie chimiche una bufala, scienziati lo provano

di Malvi Commenta

Da tempo il dibattito sulle scie chimiche è molto acceso, adesso arriva una ricerca scientifica ad affermare che si tratta di una bufala...

Da tempo il dibattito sulle scie chimiche è molto acceso. Ma oggi, con uno studio mirato, gli scienziati provano che si tratta di una bufala. Teorie complottiste vincitrici insomma, almeno stando ai dati snocciolati dai ricercatori della University of California Irvine.

scie

Le scie chimiche altro non sarebbero che il risultato della condensazione del vapore acqueo intorno ai residui della combustione dei velivoli. Niente di così strano, insomma, solo un processo concreto che spiegherebbe la presenza di quei solchi nel cielo che molto spesso attirano la curiosità e danno vita alle più disparate teorie. Gli esperti hanno mostrato quattro foto tra le più popolari tra i complottisti a 77 ricercatori specializzati nello studio dell’atmosfera. A loro è stato chiesto se nelle loro ricerche avessero mai trovato qualche segno di possibili manipolazioni.

Risposte negative per tutti e spiegazione scientifica che non fa una piega: i solchi nel cielo sarebbero da ricondurre il fenomeno della condensazione del vapore acqueo intorno ai residui della combustione degli aerei. Insomma la teoria delle scie chimiche sarebbe solo ed esclusivamente una bufala. Le prime teorie cospirazioniste sulle scie chimiche sono nate vent’anni fa ma ancora oggi il dibattito è apertissimo. E voi cosa ne pensate?

Ti potrebbe interessare anche:

SCIE CHIMICHE, QUALI SONO LE 5 TIPOLOGIE PIÙ FREQUENTI

IL MORBO DI MORGELLONS, NESSUN COLLEGAMENTO CON LE SCIE CHIMICHE

3 MOTIVI PER CREDERE CHE LE SCIE CHIMICHE ESISTONO

I 3 AEREI CHE PIÙ SPESSO RILASCIANO SCIE CHIMICHE

LE 3 SOSTANZE PIÙ PERICOLOSE CONTENUTE NELLE SCIE CHIMICHE

SCIE CHIMICHE, 3 MOTIVI CHE DIMOSTRANO CHE È TUTTO UNA BUFALA

SCIE CHIMICHE: BUFALA O VERITÀ

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>