La leggenda dei giorni della merla, II PARTE

di Anna Fraddosio Commenta

Avete sentito il meteo questi giorni? I giorni più freddi dell’anno stanno arrivando, freddo, pioggia e neve su tutta la nostra penisola: i giorni della merla sembrano arrivare in anticipo? Nello scorso articolo abbiamo iniziato a leggere una leggenda che parla dei giorni più freddi dell’anno: il 29,il 30 e il 31 gennaio, conosciuti come “i giorni della merla”. La leggenda nel suo modo fantasioso spiega perché questi giorni vengono chiamati così; oggi ne conosceremo la seconda parte.

[…] Il Generale Inverno austero e orgoglioso com’era non tollerò tale affronto, e sentendosi preso in giro dai dei piccoli e deboli uccellini sbottò: “Voi bianchi pennuti mi avete stancato, vi farò pentire di aver preso in giro il potentissimo Generale Inverno! Avete voluto scherzare, ma adesso la pagherete!”

E così fece, raccolse le sue ultime forze, gonfiò il petto e con le grosse manone strappò tre giorni a Febbraio e li attaccò alla fine di Gennaio, poi non contento scatenò la più grande bufera di tutto l’inverno: vento gelido e neve caddero dal cielo per tre giorni di seguito senza mai fermarsi.

I merli furono colti all’improvviso e cominciarono a scappare andandosi a riparare nei loro nidi, ma i nidi erano freddi ed il gelo arrivava anche lì, così pensarono bene di rifugiarsi nei camini, che accesi donavano un bel tepore. Trascorsero i tre giorni più freddi dell’anno tra neve e vento gelido il 31 Gennaio fu il peggiore. Poi arrivò Febbraio e la Primavera si presentò, dolce, a scaldare con un debole sole piacevole che iniziò a sciogliere i ghiacci. Il Generale Inverno soddisfatto, da quel momento poteva lasciare spazio a un febbraio in cui avrebbe condiviso il tempo con la fresca primavera.

 

Continua…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>