Il fantasma di Illasi

di Malvi Commenta

La leggenda del fantasma di Illasi vede protagonista Ginevra Serego degli Alighieri, colpevole di avere tradito il marito Girolamo II Pompei con il governatore di Verona Virginio Orsini...

Avete mai sentito parlare del fantasma di Illasi? La leggenda che riguarda questo piccolo paese nel cuore del veronese vede protagonista Ginevra Serego degli Alighieri che tradì il marito Girolamo II Pompei con il governatore di Verona Virginio Orsini, aiutata da un fedele servitore di nome Gregorio Griffo. Il tradimento della donna, però, non passò inosservato.

fantasma di Illasi

Ginevra Serego degli Alighieri fu scoperta e fu costretta a confessare un gesto che, a quel tempo (siamo alla fine del 1500) era considerato deplorevole, specie se commesso da una donna. Il servitore venne ucciso ed il governatore Orsini dovette darsi alla fuga per sfuggire a un crudele destino. Ma questo fatto diede il via a una leggenda che di si è tramandata fino ad oggi e che, come tutte le leggende, porta con sé qualcosa di davvero misterioso. Dopo essere stata scoperta, infatti, Ginevra Serego degli Alighieri scomparve per sempre.

LA LEGGENDA DELLA STUDENTESSA GIAPPONESE HANAKO

In circostanze che mai furono chiarite, fino al 1800 quando l’abbattimento di una parete ormai a pezzi portò alla luce una stanza senza vie di accesso nella quale furono ritrovati i resti di una donna che subito hanno fatto pensare a colei che fu ritenuta colpevole di avere tradito il marito disonorandolo. Le ossa della donna furono raccolte dal conte Antonio Pompei e custoditi in un’urna di vetro posta in una stanza buia nel Palazzo Pompei di Illasi, fatto costruire dal conte Girolamo II a partire dal 1615. Il fantasma di Illasi si è peraltro manifestato più volte nel Castello dove sono poi stati ritrovati i presunti resti di Ginevra.

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>