Possibili forme di vita aliena: la medusa a pettine

di Anna Fraddosio Commenta

Sono state trovate particolari creature, che vivono nel nostro fondale marino e che si suppone siano nuove forme di vita aliena

Abbiamo ormai da tempo un’idea più o meno precisa di come sia fatto un alieno, e se stessimo sbagliando? Se esistessero altre forme di vita aliena che noi ignoriamo, forme di vita che ci sembrano innocue, che vivono ad esempio nei nostri fondali marini?!

forme-di-vita-aliena

Questo è realmente possibile infatti si è da poco scoperto, attraverso vari studi fatti in Florida, dai ricercatori, che esisterebbe una forma di vita evoluta, appartenente alla specie animale, che si suppone sia di natura aliena poiché non risponderebbe agli ordinari criteri evolutivi degli esseri umani.

Questo animale “speciale” viene chiamata medusa a pettine è dotata di un sistema neurale unico e non differenziato; la sua particolarità sta nel fatto che è in grado di rigenerare intere parti del corpo, addirittura alcuni sono in grado di rigenerare anche il cervello. Non solo tali creature hanno un percorso evolutivo differente dalle altre specie del regno animale, questo è dato dal fatto che secondo la teoria darwiniana, che suggerisce che tutti gli animali provengono da un unico antenato, che hanno dunque un hanno percorso lineare, che va dalle reti nervose primitive fino a cervelli più complessi, essi si troverebbero nel punto più remoto dell’albero genealogico umano.

Varie sono le teorie che si sono fatte su queste strane creature, ad esempio che avrebbero un’evoluzione parallela ma che smentirebbe tutte le teorie fatte fin’ora sull’evoluzione umana; oppure la teoria più gettonata è che la medusa a pettine sia una forma di vita aliena portata nel nostro pianeta, probabilmente, dovuto ad impatto cosmico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>