La dea Oshun, dea dell’amore e della fertilità

di Anna Fraddosio Commenta

Negli scorsi articoli abbiamo trattato gli argomenti riguardanti le origini di due culture nate nell’Africa Occidentale, la Santeria un misto di credenze che mescola i santi cristiani con le divinità pagane, e l’origine e la diffusione della Yoruba religione pagana antica diffusa perlopiù in Nigeria.
La Yoruba è famosa ancora ai giorni nostri grazie alla diffusione, a volte distorta, delle sue pratiche magiche e sopratutto di negromanzia, vedesi il voodoo e l”hoodoo.

Nell’articolo riguardante la cultura Yoruba abbiamo appreso che contiene un vastissimo olimpo di divinità, ed oggi ne conosceremo una Dea in particolare a cui è data molta devozione, Oshun.
Oshun è la dea dell’amore e della femminilità nonché dea della fertilità e della creatività, ella viene chiamata con diversi nomi a seconda delle sue sfaccettature caratteriali. Considerata, ovviamente la più bella tra le tutte le Orisha (divinità o spiriti guardiani), dotata di sensualità e gioia, essa nell’iconografia più autentica viene rappresentata come una splendida giovane mulatta, sempre allegra e sorridente, amante della danza e delle feste, essa veste sempre di giallo e indossa molti campanelli.

Oshun viene davvero molto adorata in Nigeria perchè lei può sostituite molte altre Dee, grazie alle sue varie sfaccettature, essa simbolizza la maternità, il parto, di conseguenza l’amore materno, la famiglia, la casa e la patria, ma anche la cucina e le faccende domestiche. Inoltre lei è la dea delle acque, padrona sopratutto dei dolci fiumi, delle sorgenti e delle cascate, dove si dice si possa incontrare o/e venerare.

Amica di Yemanja, dea anch’essa delle acque e della fertilità, è molta amata anche tra le altre Dee, è la più allegra, civettuola e scanzonata di tutte, ama scherzare, giocare, truccarsi, profumarsi e guardarsi allo specchio, ed è capace di flirtare con tutti, e si dice che nessuno possa resistere al suo fascino, sia che si tratti di Orisha o di uomini.

Ma come tutte le divinità, che ricordiamo sono pur sempre esseri che hanno vissuto una vita umana e quindi con i loro lati oscuri, anche Oshun seppur il suo carattere sfocia nella compassione e nell’amore, è anche molto combattiva ed soprattutto irascibile, quindi sarebbe meglio non mancarle di rispetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>