Dea Iside, le due rappresentazioni

di Anna Fraddosio Commenta

Oggi contunueremo a parlare della Dea Iside, come sappiamo molti popoli hanno venerato nel corso degli anni questa Dea e ogni popolo la raffigurava e la addattava alle loro usanze e costumi. In giro per il web ci sono molte raffigurazioni della Dea, ognuno diversa dall’altra che confondo chi non la conosce, ma due sono le principali raffigurazioni di Iside.

Iside Greco – Romana
La dea Iside greco-romana è raffigurata con in mano il sistro e nell’altra mano un vaso, altre immagine della dea la mostrano appoggiata ad un remo simbolo del suo potere sulla navigazione, in un altra immagine ancora la mostrano con delle corna che versa cibo simbolo del potere che esercitava sull’agricoltura, e della benvevolenza che aveva verso il genere umano.


L’Iside egizia
La dea Iside egizia viene raffigurata con i capelli ornati dalla felce luna e dal disco, oppure coronata dell’emblema del trono, riservato esclusivamente alla dea. Molto spesso, in altre immagine, essa appare con in pugno lo scettro di loto e un aureola che le avvolge la fronte.

Un’altra rappresentazione di Iside, diffusa ma successiva, è quella de Lactans o la Galactrophousa, la dea che tiene Horus (o il faraone regnan sulle ginocchia e lo allatta. Può darsi che sia stato questo il prototipo delle successive statue della Vergine Maria con in grembo il Bambino Gesù.
L’Iside alata si trova soprattutto in rappresentazioni di Osiride. L’agizione delle sue ali fa giungere aria rivitalizzante alle narici del dio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>