Bosco Isabella, tra romanticismo ed esoterismo

di Malvi Commenta

Bosco Isabella è un luogo misterioso realizzato alla fine dell'Ottocento che oggi è diventato un parco pubblico aperto a visitatori e curiosi...

A poca distanza da Radicofani, un piccolo paesino vicino a Siena, in Toscana, sorge il Bosco Isabella, un luogo misterioso realizzato alla fine dell’Ottocento che oggi è diventato un parco pubblico aperto a visitatori e curiosi. Fu Odoardo Luchini, garibaldino della terza Guerra d’Indipendenza, a costruirlo rispettando la natura del luogo e dando importanza a una serie di piccoli particolari che oggi rendono questo giardino una vera e propria chicca per chi ama il romanticismo ma non disdegna quel pizzico di esoterico che caratterizza questo luogo.

Bosco Isabella

Nel Bosco Isabella, Odoardo Luchini creò sentieri, muretti a secco, ponticelli piani con le pietre raccolte sul posto, mise in evidenza massi basaltici, dislivelli del terreno e polle d’acqua esistenti. Oggi è questo uno dei giardini più belli da visitare, perché trasuda storia e mistero e non a caso ogni giorno è meta di turisti e curiosi. All’interno di questo giardino sono visibili i resti di una costruzione antica, forse luogo di culto etrusco ed i resti di un fortino senese distrutto probabilmente a metà del XVI secolo. Nel giardino è stato ricreato nel giardino una sorta di percorso iniziatico-esoterico: molte delle costruzioni che si scorgono, infatti, non sembrano certo essere lì per caso, tutt’altro. Sembrano il frutto di un lavoro dettagliato e messo a punto nel tempo.

I 20 LIBRI DA LEGGERE SULL’ESOTERISMO CRISTIANO

Se avete voglia di visitare il Giardino Romantico-Esoterico il Bosco Isabella (questo il suo vero nome) nei pressi di Radicofani, sappiate che di certo non ne rimarrete delusi.

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>