Avvistamenti alieni, dossier pubblici in Usa e Inghilterra

di Malvi Commenta

In Inghilterra e Usa diventano pubblici i dossier sugli avvistamenti alieni nella storia: che cosa succederà? Il dibattito è da sempre molto acceso...

A breve i dossier sui presunti avvistamenti degli alieni nella storia saranno resi pubblici in Usa e Inghilterra ed ecco che importanti novità potrebbero fare capolino dopo decenni di silenzio forzato, così come sempre hanno affermato gi esperti di ufologia, convinti che molte delle persone venute a contatto con entità extraterrestri non abbiano parlato per paura di avere ripercussioni sulle loro carriere.

alieni su Marte

E’ il caso dei tanti piloti di aerei che, nel corso della loro carriera, sono venuti a contatto con alieni. Avvistamenti che in molte situazioni li hanno costretti a manovre azzardate, con i diretti interessati che però hanno poi preferito la strada del silenzio per non alimentare situazioni già di per sé molto critiche (e d’altronde il dibattito sulla esistenza o meno degli alieni è ancora oggi accesissimo). Ma nella lunga lista dei piloti che avrebbero avvistato gli alieni durante uno dei loro voli ci sarebbero anche alcuni dipendenti di Alitalia, compagnia di bandiera italiana. Il riferimento è al lontano 1992 quando il comandante dell’Alitalia Massimo Poggi avvista un disco volante insieme al suo secondo. Ma non è l’unica testimonianza. Qualche tempo dopo, su un volo da Roma a San Paolo del Brasile, prima sente un rumore fortissimo nelle cuffie, quindi avvista una luce verde sotto l’aereo che pilota.

ALIENI SU MARTE, CI SONO LE PROVE

E non è finita: nell’estate del 2013 il pilota di un Airbus viene costretto a una manovra di emergenza nel cielo di Reaging, in Inghilterra, per evitare una collisione con un oggetto non identificato. I dossier che riprendono questi argomenti saranno adesso resi pubblici. Cosa succederà?

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>