3 motivi per credere che le scie chimiche esistono

di Malvi Commenta

scie

Cerchiamo di capire quali sono i punti cardine della teoria portata avanti da coloro che credono alla reale esistenza delle scie chimiche. Ne abbiamo individuati 3 che – almeno secondo i sostenitori della teoria del complotto – sembrano essere i più interessanti. Perché le scie chimiche esistono davvero?

1. Perché la loro lunghezza e la loro permanenza in cielo non può essere quella di una normale scia di condensazione rilasciata da un aereo. La scia di condensazione svanisce dopo circa una quarantina di secondi, mentre molto spesso il cielo rimane solcato da queste grandi righe bianche per molto più tempo. Sempre ricollegandoci a questo aspetto, durando le scie di condensa non più di 40-50 secondi, dovrebbero accorciarsi mano a mano che l’aereo prosegue il suo cammino in cielo. Invece molto spesso non è così, con le scie rimangono ben visibili per minuti interi.

SCIE CHIMICHE, 3 MOTIVI CHE DIMOSTRANO CHE È TUTTO UNA BUFALA

2. La forma delle scie chimiche. Chi crede nella reale esistenza delle scie chimiche si appiglia al fatto che molto spesso il cielo è solcato da scie circolari o ellittiche che, proprio per la loro forma, avrebbero poco a che vedere con gli aerei la cui traiettoria segue una linea retta immaginaria. Le scie a forma circolare, dunque, potrebbero essere solo scie chimiche e non di condensazione.

3. I buchi nelle nuvole. I sostenitori della tesi delle scie chimiche dicono che i cosiddetti “buchi nelle nuvole” siano un fenomeno piuttosto recente da ricollegare proprio al rilascio di sostanze chimiche da parte di alcuni aerei. Essendo la teoria del complotto abbastanza recente, ed avendo notato il fenomeno dei “buchi nelle nuvole” soltanto negli ultimi decenni, coloro che credono nell’esistenza delle scie chimiche ritengono che questo sia un buon motivo per confermare la presenza reale di questo fenomeno nei cieli.

Tre punti che ovviamente, nel corso degli anni, sono stati oggetto di lunghi dibattiti e hanno scatenato la ricerca di controprove da parte di coloro che invece non credono assolutamente alla teoria delle scie chimiche e che hanno smontato punto per punto la versione opposta.

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>